viti in Piemonte

Piemonte non convenzionale: non solo Barolo e Barbaresco

Tappa #2

La tappa #2 di Sommelier Wine Box (aprile 2018) è stata guidata da Gabriele Scalici, che ci ha guidato alla scoperta del Piemonte non convenzionale.

In Italia, infatti, il concetto stesso di vino è radicato nel profondo della nostra cultura e non vi è regione dove non si produca vino di qualità.

Ce n’è per tutti i gusti e dei più disparati colori. Bianco, rosso, arancione, verdolino, abbiamo il più ampio bacino al mondo da cui attingere la materia prima per fare un vino unico.

È proprio in questo contesto che Gabriele ci ha fatto conoscere meglio una regione già molto famosa come il Piemonte, terra natale di alcuni dei più apprezzati vini al mondo, quali Barolo e Barbaresco, attraverso però altre sue espressioni vinicole, speciali e rare.

Abbiamo scoperto alcune piccole produzioni di territori meno noti, di carattere artigianale, portate avanti con sacrificio da persone che hanno le mani intrise e colorate di quella materia che in futuro diventerà vino.

Sono delle chicche che fanno parte di quel patrimonio culturale che non solo non può essere dimenticato, ma che merita di essere approfondito e difeso.

Le tre cantine proposte sono I Carpini, Mario Rivetti e Fontanabianca.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento