Balestri Valda

Laura, Balestri Valda – Veneto

La mia idea di viticoltura si fonda sul profondo rispetto dell’equilibrio naturale.

Quindi no all’utilizzo di pesticidi, diserbanti e fertilizzanti chimici. Sì a biodiversità, tutela dei vitigni autoctoni e apicoltura in vigna. Dove vigneti, fiori, boschi e frutteti coesistono anche le api trovano una casa felice. 

Il rispetto della biodiversità si concretizza nelle mie scelte quotidiane. Negli anni Novanta – in controtendenza per l’epoca – già mio padre Guido aveva deciso di non piantare viti su tutta la superficie aziendale ma di mantenere intatti alcuni ettari di bosco; in esso trovano riparo moltissime specie di animali selvatici, e oggi anche le nostre api vi si rifugiano per fare incetta di propoli e melata…

Negli anni – dai miei 22 a oggi – ho dato vita a un frutteto con varietà antiche di frutta ormai in estinzione, tra cui nespoli, giuggioli, melograni, varietà rare di meli e peri provenienti dalla pedemontana veneta. Ad essi si aggiungono circa 300 olivi, anch’essi condotti secondo i principi dell’agricoltura biologica.

E infine l’apicoltura, un vero chiodo fisso per me. Ogni giorno mi sento grata per tutto ciò che le api ci donano e insegnano; salvarle è il minimo che possiamo fare. Questi meravigliosi e delicatissimi insetti sono fondamentali per la vita sulla terra ma rischiano di scomparire a causa dei pesticidi, soprattutto in zone ad alta densità di monocolture intensive.

Il miele viene sempre incluso nel percorso di degustazione assieme ai nostri vini, consentendoci di spiegare a tutti quanto sia importante salvare le api.

Laura

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento