La Sclusa

Gino Zorzettig, La Sclusa

Sulle Colline di Spessa, a sud di Cividale, nel cuore del Friuli, sorge l’Azienda Agricola La Sclusa.

Le nostre vigne affondano le radici nei terreni marnosi tipici dei Colli Orientali del Friuli, da sempre sinonimo di ottimi vini, per naturale vocazione. Qui la nostra famiglia, i Zorzettig della Sclusa (nomignolo curioso che ha origine da una località situata a valle dell’Azienda) si dedica con passione alla coltura della vite, unendo tradizione, esperienza e moderne tecniche di vinificazione, per trarre da ottime uve vini pregiati, inconfondibili per sapori e ricchezza di aromi.

Ho iniziato a dedicarmi all’azienda nel 1971, fino ad allora condotta da mio padre “Tita” (per tutti “Tramuntin”). All’inizio la produzione di vino era riservata a pochi clienti che ancora oggi ci sono fedeli. Con la collaborazione dei miei figli – Germano, Maurizio e Luciano – inizia negli anni ‘80 la conversione dell’azienda con la costruzione della nuova cantina, spaziosa e funzionale, e l’impianto di nuovi vigneti. Recentemente abbiamo messo a disposizione un alloggio agrituristico.

Prediligiamo soprattutto i bianchi autoctoni perché vogliamo valorizzare al meglio la vocazione di questo territorio e abbiamo ricevuto numerosi riconoscimenti per la qualità dei nostri vini (di spicco sono il Friulano, la Ribolla Gialla ed il Picolit).

Lavoriamo con una profonda coscienza delle caratteristiche di ogni nostra vite, per valorizzare le peculiarità di ciascun vino e restituire al massimo le sensazioni che ogni varietà offre.

Aderiamo ad un progetto per l’utilizzo di prodotti a basso impatto aziendale, a difesa dell’integrità del territorio e per la salvaguardia del consumatore. Del resto, la conduzione familiare, la razionalizzazione di tutte le operazioni, l’utilizzo di un packaging essenziale, ci permettono di rispettare l’ambiente e di contenere i prezzi per riversare questi risparmi a favore della qualità dei nostri vini, per la soddisfazione dei nostri clienti.

Gino Zorzettig con Germano, Maurizio e Luciano

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento