zanotto

Bollicine dal sapore antico e prezioso, dal cuore del Prosecco

Zanotto bollicine
"Ho un’idea mia di cosa debba raccontare un Prosecco. Voglio che chi beve una mia bottiglia ci ritrovi le storie di una volta e il profumo che mi ha fatto innamorare della terra dove sono nato. Per ottenere questo non non era sufficiente un singolo terreno o affidarsi ai più moderni metodi di vinificazione. Era necessaria una ricerca: scoprire la giusta combinazione di uva, terreno, tecnica, tradizione e tempi.
Creo ogni anno i miei vini col fondo, i miei fermi e il mio Prosecco spumante ma non possiedo vigneti. È una scelta consapevole che, grazie alla collaborazione con un fidato produttore e i consigli di un enologo esperto, mi permette di mettere in bottiglia esattamente la mia idea di vino. Quello che voglio trasmettere, al di là di ogni nota tecnica e di degustazione, è la bellezza di tornare a vivere il vino con semplicità e convivialità, come una volta, trascorrendo del tempo con gli amici"
riccardo zanotto
riccardo zanotto

Spedizione immediata (gratis per ordini superiori a 90€)

UNA VISITA IN CANTINA A CASA TUA

Ecco i vini proposti

Prosecco Rivolto

Spumante Extra Dry prodotto con un blend di uve glera (85%) e altre a bacca bianca dalla spiccata attitudine alla spumantizzazione.

Immediata separazione del mosto dalle bucce con pressatura diretta, decantazione a freddo e fermentazione in vasche di acciaio con controllo della temperatura. La presa di spuma dura tre mesi e avviene in acciaio secondo il metodo Martinotti o Charmat; segue l’imbottigliamento.

Perlage fine e intenso, come anche il bouquet olfattivo: ecco quindi sentori di agrumi e di mela. Il gusto è diretto e delicato con un finale morbido grazie ai 13g/l di zucchero residuo, per uno spumante che si inserisce a pieno titolo nella grande spumantistica italiana.

A TAVOLA: perfetto in abbinamento al vitello tonnato.

Consigliamo di servirlo tra 7 e 9 gradi.

Fiumano Prosecco Superiore Brut

Prosecco DOC prodotto con uve glera in purezza delle colline della provincia di Treviso, coltivate a un’altitudine di 150 metri sul livello del mare.

Fermentazione in acciaio per 30 giorni – secondo il metodo Martinotti o Charmat – sino alla presa di spuma.

Di colore giallo paglierino, il perlage è fine e la spuma persistente.

Al naso si presenta con profumi intensi, note fruttate di pesca noce, pera e melone, e anche agrumate (lime, soprattutto).

Il sorso è fresco, sapido, minerale, e ha un’eleganza che contraddistingue gli spumanti Brut.

A TAVOLA: versatile, è un Prosecco che mette davvero d’accordo tutti. Ottimo come aperitivo ma anche di accompagnamento a primi piatti a base di pesce.

Servire a una temperatura tra 6 e 8 gradi.

Zanotto col fondo

È un bianco frizzante rifermentato in bottiglia, imbottigliato coi lieviti e non filtrato, ecco perché “col fondo” (i sedimenti rimangono in bottiglia); Zanotto è uno dei pochi rivoluzionari vignaioli ad avere ripreso questa pratica antica! Può essere servito lasciandolo decantare o provato direttamente coi lieviti in sospensione, che ne rendono l’aspetto torbido alla vista ma regalano una gradevole sapidità in più.

Giallo paglierino, spuma vivace, perlage molto fine. Al naso esprime una profondità e un’aderenza varietale non comuni: ecco note fruttate di mela golden, sentori di fiori secchi e agrumi, crosta di pane e una lontana mineralità. In bocca è secco, lineare e di gran gusto. Una certa morbidezza accompagna l’assaggio fino al finale appagante, che invita a un nuovo sorso.

A TAVOLA: ottimo per l’aperitivo, è perfetto con antipasti di terra ma anche con la pizza.

Servitelo tra gli 8 e i 10 gradi.

Non perderti questa selezione

Spedizione immediata

La storia della cantina

riccardo zanotto

Siamo nel cuore della zona del Prosecco di Conegliano-Valdobbiadene. Qui, Riccardo Zanotto ha maturato un’idea ben precisa di come si debba fare e raccontare un vino: nel suo, si ritrovano le storie di una volta, quei profumi e quei sapori che lo hanno fatto innamorare della sua terra e dei territori italiani che ha attraversato, vissuto e amato. Dentro ogni bottiglia, Riccardo mette la sua idea di vino.

Ha riscoperto i vini col fondo, la vinificazione di una volta, con la presa di spuma che avviene attraverso la rifermentazione spontanea in bottiglia.

Assaporare i suoi vini significa sperimentare i sapori del passato; per lui, infatti, il vino dà il massimo se vissuto come un tempo, quindi degustato in compagnia degli amici.