Articoli

Monticino Rosso

Monticino Rosso – Emilia Romagna

La nostra è un’azienda agricola a conduzione familiare, fondata da nostro padre nel 1965. Da allora, coltiviamo le nostre vigne e i frutteti sulle colline di Imola.

Da sempre produciamo vino in modo artigianale, nel rispetto della tradizione e con attenzione estrema per la qualità. Puntiamo soprattutto sui vitigni autoctoni (Albana, Pignoletto e Sangiovese di Romagna) perché crediamo nelle potenzialità del territorio.

Il paesaggio attorno al Monticino Rosso è dominato dai vigneti che si inerpicano sui pendii, disegnando un paesaggio dalle morbide forme, accarezzate da una brezza fresca che mantiene le uve sane.

Nel 2000 abbiamo trasferito la cantina di vinificazione nel podere “Monticino Rosso”, in una struttura nuova e più attrezzata, per perseguire ancora meglio i nostri obiettivi di qualità: la nuova cantina è il nostro orgoglio, la dichiarazione d’amore per la nostra terra. L’abbiamo concepita come “casa del vino”, per ottimizzare le fasi di trasformazione delle nostre uve e per accogliere i visitatori che vogliano scoprire come nasce il vino di questo territorio.

Luciano e Gianni Zeoli

ancarani vini

Ancarani – Emilia Romagna

Siamo Vignaioli Indipendenti in Romagna sulle colline di Oriolo dei Fichi, vicino a Faenza; i nostri vigneti si estendono per circa 14 ettari su una collina (150 metri s.l.m.) che guarda dalla Torre di Oriolo verso il mare. Meno di 20 km in linea d’aria ci distanziano dal mare, e alle spalle ci sono i boschi dell’appennino Romagnolo.

Le vigne crescono su un terreno composto in prevalenza di sabbie pleistoceniche, dal bellissimo colore dorato: da qui il nome latino “Aureolum” divenuto poi Oriolo; questa preziosa sabbia mista a limo, argilla, calcare e fossili, viene chiamata localmente “marzana” ed è una delle caratteristiche che incide maggiormente sulla maturazione dell’uva e di conseguenza sul vino.

Coltiviamo Albana, Sangiovese, Centesimino, Famoso, Trebbiano e Pagadebit perché ci divertono i vitigni autoctoni e perché crediamo nella biodiversità del nostro territorio.

Certificati biologico, in vigna utilizziamo rame, zolfo e preparati biodinamici e in cantina cerchiamo di rispettare al massimo vitigno e annata imbottigliando vini che abbiano un’identità in cui ci riconosciamo

Quello che ci lega alla campagna, il rapporto tra noi e l’uva che diventerà vino, è un amore controverso, forte e dubbioso, e come tutti gli amori viscerali è bellissimo poiché ci spinge ad accettare l’altro per ciò che è, senza forzature ma con attenzione e curiosità.

Rita e Claudio Ancarani