Articoli

vini delle sabbie

Le selezioni di luglio – vini delle sabbie

WINE BOX DI luglio: vini delle sabbie

vini delle sabbie

Tappa #16

Scelta dal grande Luisito Perazzo

miglior sommelier d’Italia

luglio 2019

 

Mariotti Vini – San Giusepppe di Comacchio, Ferrara

Caratterizzata da un microclima favorevole alla produzione di varietà autoctone della provincia ferrarese, l’azienda Mariotti interpreta fedelmente il compito attribuito dal binomio vitigno/terroir.

Azienda ubicata nel Delta del Po in cui i terreni sabbiosi hanno consentito la coltivazione di uve non innestate. Il fondatore Giorgio Mariotti negli anni settanta decise di intraprendere la produzione puntando sui vigneti storici del vitigno Fortana e promuovendo il riconoscimento della Doc Bosco Eliceo.

Da qualche anno è Mirco Mariotti, assieme alla sorella Barbara, a proseguire la filosofia familiare con il desiderio di esaltare le differenze e i tratti peculiari del proprio territorio. Il risultato è determinato dal profilo schietto e vivido dei propri vini, in cui la bevibilità si associa a eccellenti funzioni in tema di abbinamenti gastronomici dei piatti tipici nella “Terra degli Estensi”. L’immaginario sensoriale dei loro vini è piacevole e profumato, senza mai tralasciare quel tocco di reale sapidità fornita dai terreni sabbiosi e sedimentari.

Baglio di Pianetto – Santa Cristina, Gela

Tenuta fondata dal conte Paolo e dalla contessa Florence Marzotto a metà degli anni novanta a Santa Cristina di Gela, nel Palermitano.

L’obiettivo sin dall’inizio è stato quello di realizzare un matrimonio tra le varietà tipiche siciliane con alcune varietà francesi, tanto da focalizzare sia il pedoclima isolano, sia l’eleganza e la versatilità dei vitigni transalpini, il tutto secondo una filosofia produttiva di stampo biologico.

Produzione vinicola distribuita su due tenute vitate, questa a Pianetto con terreni prevalentemente calcarei con depositi sabbiosi, l’altra a Baroli, nel siracusano, con terreni di natura prettamente sabbiosa.

Claudio Mariotto – Vho, Tortona

Produttore della zona zona sud-est di Tortona, oggi giunto alla quarta generazione, fa parte della filosofia produttiva declinata dal concetto “Vignaioli indipendenti” che conducono le vigne in maniera tradizionale, dalla cura del vigneto all’imbottigliamento, alla gestione commerciale.

Situato in località Vho, egli detiene anche vecchie vigne che combina efficacemente per la realizzazione dei vini, con particolare attenzione sulle varietà Barbera e Timorasso, con decisa convinzione che la qualità è frutto della tecnica ma soprattutto è la rappresentazione del terroir in cui si opera e che si riflette nel valore assoluto dei vini.

Il risultato è sempre un vino concentrato e aromatico, un vino che si determina tramite il rapporto intimo tra il produttore e il suo vigneto.

BOX ENTUSIASTA

Surliè – Mariotti Vini

Vino identitario e rappresentativo del ferrarese viticolo; espressione di una varietà che grazie alle sue caratteristiche di adattamento in un terreno sabbioso, regala note sensoriali che coniugano bevibilità e tradizionalità.

Prodotto con una vendemmia manuale medio tardiva, alla fermentazione spontanea del mosto segue la rifermentazione in bottiglia in presenza dei propri lieviti per circa due mesi.

Vino dalla veste luminosa e violacea, il profumo tradisce piccoli frutti che ricordano lampone, mora e fragoline di bosco con una sfumatura appena pepata. Assaggio fresco e saporito con bollicine cremose e con spiccate note sapide in simmetria.

Abbinamento: da bersi in compagnia tentando un abbinamento del territorio come l’anguilla alla brace.

Ficiligno – Baglio di Pianetto

Vino prodotto con uve autoctone e alloctone quali Insolia e Viognier, per realizzare un connubio variegato ed elegante; cuvée maturata solo in acciaio.

Giallo paglierino e cristallino, rilascia ampi profumi di frutta tropicale che evocano ananas, litchi, frutto della passione, con un tocco floreale di gelsomino.

L’ingresso si traduce con freschezza e buona lunghezza, felici l’equilibrio e la sapidità, chiude ancora fruttato con effluvi minerali.

Abbinamento: provatelo con fettuccine ai frutti di mare.

Barbera Territorio Colli Tortonesi – Claudio Mariotto

Vino storico e vitigno “familiare” del Piemonte, da sempre indicato come elemento conviviale e definito come l’accompagnamento quotidiano.

Nei colli tortonesi, in provincia di Alessandria, si è da sempre ottimamente acclimatato con risultati di grande rilievo e notevole bontà.

Questa versione “Territorio” si distingue per un bouquet gradevole e fragrante che ricorda la frutta rossa fresca con tocchi di amarena, e l’aroma vinoso caratteristico di un vino giovane maturato solo in contenitori di acciaio; assaggio goloso, fruttato, floreale, fresco, con discreta corposità, coinvolto da una sensazione calda e seducente che ne giustifica il perfetto equilibrio.

Abbinamento: assaporatelo in calice medio assieme a tortelli ai funghi porcini con burro alle erbe.

BOX ESPERTO

Abbatia Vino Spumante Brut Nature – Mariotti Vini

Vino con rifermentazione in bottiglia secondo il tradizionale metodo classico; particolare è la varietà utilizzata perché si tratta del vitigno Fortana, vinificato in bianco.

Il vigneto di riferimento proviene dalla Duna di San Giuseppe di Comacchio, quindi sabbioso, che regala eleganti note floreali.

Bollicine minute e persistenti caratterizzano il calice, piacevolissima beva di assaggio sempre corteggiata da un profumo fresco, sottile e dinamico.

Abbinamento: versione non dosata da provare con una composta tiepida di crostacei e avocado.

Shymer – Baglio di Pianetto

Consueto taglio tra due varietà, Syrah e Merlot, per garantire un’espressione sensoriale che evoca note speziate e tostate, con un profilo fruttato e setoso.

Conduzione biologica della vinificazione a cui segue un periodo di maturazione in barrique francesi di diverso passaggio.

Un vino ricco sin dall’aspetto con cromatica esuberante di tonalità rubino, olfatto caratterizzato da frutta matura e polposa, in primis mora e ciliegia, percorso incrociato da effluvi di cioccolato, eucalipto, violetta, vaniglia e liquirizia.

Il sapore è pieno, vellutato e avvolgente, con tannino fine e rotondo, di spiccata sapidità che rende l’insieme intenso e persistente con ricordi ancora speziati e fruttati.

Abbinamento: assaporatelo in un bicchiere ampio assieme a involtini di pollo alla palermitana.

Derthona Timorasso – Claudio Mariotti

Colore che vira sul dorato, splendente e voluttuoso, il profumo richiama frutta a pasta gialla, pesca, ananas, mango, prugna gialla, note di delicata speziatura che riconduce al pepe bianco, e poi il profilo diventa gessoso e salmastro, selce e pietra focaia.

Gusto intenso e avvolgente, teso ma rotondo, salino e fruttato, proporzionato in bocca per volume, gradevolezza, persistenza e mineralità, dal finale tostato.

Un vino da tenere per ogni occasione, bene adesso ma si può anche attenderlo per qualche tempo, in questo modo ridefinirà il suo bouquet complessivo.

Abbinamento: da servire nel bicchiere più ampio e da provare con soubrics di vitello in salsa speziata.

 
vini delle sabbie

Barbara e Mirco Mariotti – Emilia Romagna

Dal 1976 nostro
padre Giorgio si dedica al vino con passione ed apre il Centro Enologico La Bottega del Vino ad Argenta (FE),
unico laboratorio di analisi e consulenze enologiche in Provincia di Ferrara. È
analizzando i vini del territorio che si
rende conto della tipicità dei terreni sabbiosi del Delta del Po
e delle
loro caratteristiche “non filosseriche”: da lì inizia l’iter di studio per il
riconoscimento della DOC Bosco Eliceo, che dura una decina di anni e si
conclude nel 1989.

Per
salvaguardare il lavoro svolto fino a quel momento, io e mia sorella Barbara
abbiamo affiancato nostro padre per dare inizio anche all’attività di
produzione nel 1998, trasformando le nostre uve coltivate in poderi salvati dall’espianto,
perché dopo la riconversione del settore
agricolo degli anni Novanta, i vigneti nella provincia di Ferrara sono passati
dagli 8.000 ettari del 1976 agli attuali 400.

Abbiamo quindi creato il Fondo Luogaccio a San Giuseppe di
Comacchio, un vigneto a “piede franco”, ai bordi del sito Natura 2000 Duna della Puia.

Nel corso degli anni la nostra
attenzione si è concentrata sul vitigno rosso Fortana, da sempre presente
nell’area e dalle caratteristiche uniche, esaltate soprattutto nei vini
frizzanti e spumanti.

Il terreno sabbioso, le piante centenarie, la vicinanza del mare e le sue
brezze, il cuneo salino, donano ai nostri vini un carattere distintivo, che
anno dopo anno cerchiamo di esaltare nel rispetto di un territorio da sempre in
bilico tra terra e acqua.

Barbara e Mirco Mariotti

vini delle sabbie
Vini Claudio Mariotto

Claudio Mariotto – Piemonte

Conduco l’azienda assieme alla mia compagna Rossana, a mio fratello Mauro e a mia mamma Piera. Sulle colline tortonesi, a Vho, la mia famiglia coltiva 30 ettari di vigna, nei comuni di Tortona e Sarezzano, e lo fa dal 1920.

La vita quotidiana a contatto con il vigneto, le tecniche di cantina e la cura con cui seguiamo ogni fase del processo produttivo (dalla maturazione delle uve, all’affinamento delle migliori partite in botte) garantiscono ai nostri vini un elevato standard qualitativo. Per soddisfare un mercato sempre più attento alla qualità, selezioniamo i vitigni e li coltiviamo nei terreni più idonei, in collina, dove la qualità delle uve è decisamente superiore. Tutto questo ci consente di offrire agli intenditori una scelta completa dei migliori vini dei Colli Tortonesi.

Dalla fine degli anni Novanta coltiviamo il Timorasso e ne vinifichiamo le uve con passione sempre crescente, e tanta soddisfazione. Questo vitigno autoctono è stato recuperato solo in tempi recenti e noi ci abbiamo scommesso, utilizzandolo per produrre un vino bianco di grande personalità. Il nostro Timorasso è di un bel giallo paglierino, nitido e limpidissimo. I profumi sono composti e intensi, tutti giocati su toni floreali e rimandi freschi e minerali. In bocca è fresco, sapido, piacevole e franco, equilibrato e vivace nello sviluppo.

L’obiettivo del nostro impegno quotidiano è di fare inserire il Timorasso nelle migliori carte dei vini, non come “bestia rara” ma come grande ambasciatore di territorialità e autenticità, personalità e cultura, da proporre al consumatore attento.

Claudio Mariotto

Baglio di pianetto

Giovanni Chiaramonte, Baglio di Pianetto – Sicilia

La nostra storia parte da una bottiglia regalata al conte Paolo Marzotto per approdare, nel 1997, nell’azienda siciliana innovativa che è oggi.

La scelta dei due siti produttivi è stata dettata dalla ricerca della massima qualità: quello di Pianetto sta a nord ovest, a 650 metri sul livello del mare, ed è caratterizzato da un terreno ricco di silicio, l’altro si trova a sud est, a Noto, a 50 metri sul mare con territorio gessoso.

L’area di Pianetto è simile alla Rhône francese, con alte colline che mitigano i venti, e una grandissima escursione termica tra giorno e notte. Questa favorisce lo sviluppo delle uve a bacca bianca (inzolia, grillo, catarratto, viognier…), cui regala grande acidità.

Il sito di Noto, invece, sta in una zona straordinaria per il nero d’avola, ma vi produciamo anche strepitosi syrah e l’immancabile moscato di noto, che vinifichiamo con appassimento in pianta.

Oggi Baglio di Pianetto è una cantina di 20 anni, che vive di tante piccole grandi attività: dalla cura del vigneto al lavoro di precisione in cantina, fino al cuore dell’azienda, la barricaia, il luogo dove i vini raggiungono il culmine qualitativo. La cantina è un esempio di tradizione e tecnologia insieme, in delicato equilibrio: è costruita su quattro livelli, sfrutta la verticalità dei processi vinicoli senza l’uso di pompe che stresserebbero le uve.

Tutto questo nel contesto di una Sicilia nuova e antica assieme, raccontata con eleganza.

Giovanni Chiaramonte