Giannitessari cantina

Giannitessari – Veneto

Il mio amore per il vino inizia negli anni ’70, nei vigneti di famiglia in cui sono cresciuto. Decido quindi di diplomarmi in agraria per poi entrare in cantina. Da allora, io e la mia famiglia ci poniamo come obiettivo la qualità assoluta dei prodotti, e questo ci ha consentito negli anni di ottenere grandi soddisfazioni e riconoscimenti. Ognuno dei 55 ettari di vigneto firmati Giannitessari vuole infatti esaltare al meglio le diverse qualità dei tre favolosi territori in cui lavoriamo: Soave, Monti Lessini e Colli Berici.

Passione, curiosità e voglia di raggiungere nuovi traguardi: queste le qualità che hanno da sempre caratterizzato la nostra azienda. Per noi ogni bravo vignaiolo è un po’ come uno scultore, che riconosce nel proprio territorio delle grandi potenzialità e le lavora per creare un’opera d’arte. Proprio con questo spirito siamo partiti dalla Durella, uva autoctona ancora poco nota ma che è da sempre immagine dell’azienda, per arrivare oggi a coltivare Garganega, Trebbiano di Soave, Solaris, Pinot Nero, Chardonnay, Tai Rosso, Merlot, Cabernet, Carmenere.

giannitessari cantina

Tutti i nostri vini nascono dall’ascolto costante della terra, che tastiamo e lavoriamo con la massima attenzione e cura. Proponiamo 15 diverse etichette tra spumanti caratterizzati da ottima mineralità, bianchi eleganti e rossi di grande equilibrio.

Speriamo che ognuna di esse possa farvi riconoscere ed amare le migliori qualità dei territori che noi abbiamo la fortuna di vivere ogni giorno.

Gianni Tessari, con la figlia Valeria

giannitessari cantina

Fabio Sicilia

Fabio Ferracane – Sicilia

Sono Fabio Ferracane e il vino che produco vuole essere massima espressione del territorio di Marsala. Esprime la mia profonda passione per la coltivazione lenta ed è autentico: racconta le brezze marine, gli spettacolari riflessi delle saline e il sole caldo delle Isole Egadi, nell’estremo est della Sicilia. Sono convinto che il vino non sia questione di chimica ma di identità territoriale.

Quella tra me e il vino è una storia d’amore iniziata da piccolo, da quando mio padre ha ereditato pochi ettari di vigneto dal nonno, negli anni Novanta. Da bambino, lo aiutavo nella produzione delle poche bottiglie prodotte per l’uso della nostra famiglia. Ho quindi deciso di studiare enologia e viticoltura, lavorando in diverse cantine e facendo esperienza anche all’estero.

Oggi coltivo 5 ettari di vigneto, nel contesto mozzafiato delle isole dello Stagnone di Marsala. Qui, coltivo le varietà Cataratto, Grillo, Nero d’Avola e Merlot, sempre fedele alla mia filosofia: si parte dalla vigna, si passa in cantina e si arriva in bottiglia con la bussola della massina qualità. Per questo seleziono con cura le uve e riduco al minimo i trattamenti in vigna. Uso solo una piccolissima quantità di solfiti e solo su alcuni vini, perché le fermentazioni avvengano il più possibile spontaneamente in fase di pre-imbottigliamento.

Fabio Ferracane

Ogni anno inizia per noi un nuovo viaggio, fatto di lavoro, passione, dedizione ma anche di nuove scelte, perché sono convinto che la vinificazione non sia una scienza esatta ma un processo di miglioramento continuo. Quel che è certo – da vignaiolo che sono – è che continuerò a curare e coltivare la mia vigna nel modo più naturale possibile, nel rispetto della tradizione e del territorio che amo.

Fabio Ferracane

cantina Fabio Ferracane

Chiara Enologo

Monti Cecubi – Lazio

La nostra azienda si trova a Itri, a pochi passi dal mare di Sperlonga, all’interno di un’area naturalistica collinare ricca di pascoli e di boschi di sughere, una zona molto importante per la bellezza del paesaggio e per la biodiversità. Coltiviamo le nostre vigne con sistema biologico e abbiamo ottenuto la certificazione BIO dall’annata 2019.

Siamo stati i pionieri della reintroduzione della viticoltura in questa zona: qui, la produzione di vino ha una tradizione antichissima ma da tempo era scomparsa. L’abbiamo fatto riscoprendo i vecchi vitigni del territorio e anche sperimentando le varietà meglio adattabili a questo ambiente così speciale.

La nostra zona, anticamente nota come Caecubum Ager, era famosa sin dai tempi della Roma repubblicana per la produzione del vino Cecubo. Tanti, i poeti latini che hanno cantato questo vino eccellente, da Plinio il Vecchio a Marziale, da Columella a Orazio…

Monti Cecubi

I Monti Cecubi sono situati tra foreste di sughere sulle alture che si protendono dalla costa di Sperlonga, e beneficiano tanto della vicinanza dei boschi quanto da quella del mare. La composizione del terreno, l’esposizione, l’escursione termica, poi, consentono ai nostri vigneti di produrre vini di carattere: intensi, freschi e longevi.

Oggi, in 20 ettari vitati, produciamo bianchi come Vermentino, Fiano e Falanghina, e vini rossi da varietà locali praticamente sconosciute come l’Abbuoto e la Serpe.

Lavoriamo ogni giorno per creare vini unici, come unica è la tradizione del vino fra questi monti.

Chiara Fabietti

cantina Monti Cecubi
Marco Antonelli cantina

Marco Antonelli – Lazio

La mia storia inizia a Olevano Romano, in una vigna circondata dai boschi. Sin da bambino, ho vissuto la campagna come una distesa di filari dove ogni singola zolla era ricoperta da vigneti. L’azienda della mia famiglia si estendeva per quasi 5 ettari, tutti vitati ad alberello…

Tanta, la fatica in vigna! Solo lavorazioni manuali, ripetute all’infinito, somministrate vite per vite. Potatura, scacchiatura, legatura… Sotto il sole cocente e al gelo dell’inverno vedevo tra i filari i profili dei miei genitori, con la pelle bruciata dal sole o sferzata dal vento pungente, in un silenzio surreale rotto solo dal belare delle greggi attorno al pastore.

Spesso, all’alba, andavo a trovarlo con un fiasco di Cesanese rosso sotto braccio, mi scaldavo al suo fuoco, mangiavo qualcosa dal pentolone, barattando il vino con le ricotte. Vivevo nella campagna e con la campagna.

Ero felice mentre seguivo i miei genitori, ne ascoltavo distrattamente le lezioni mentre “spulciavano” le viti con mani sapienti, cacciavo insetti, scappavo dalle bisce… ma avvertivo anche la malinconia, il silenzio e la fatica di quel lavoro. Ho ricordi nitidi di me a 7 anni, in realtà più attratto dall’eco dei canti provenienti dalla vallata che rompevano quel silenzio…

Oggi mio padre è morto, mia madre è anziana, il pastore era già al crepuscolo allora. Torno in campagna e mi guardo intorno, constatando che siamo rimasti in pochi a coltivare quei vigneti. Le vigne di allora si sono spente assieme ai loro padroni che, nonostante tutto l’amore e la passione, non sono riusciti a tramandare ai figli anche quella cultura e quella scelta di vita.

Ma io ci sono, e come me pochi altri: con l’amore di sempre continuiamo a produrre il Cesanese di Olevano Romano.

Marco Antonelli

Marco Antonelli cantina
Cristina e Gelmino Le Battistelle

Le Battistelle – Veneto

Le Battistelle è una piccola realtà agricola a conduzione familiare nel cuore del Soave Classico, (Classico indica la zona storica limitata alle sole colline dei comuni di Soave e Monteforte D’Alpone), in provincia di Verona.

La cantina nasce nel 2002 dalla decisione di iniziare a vinificare in proprio le uve che prima venivano conferite alla cantina sociale. Si tratta di 10 ettari suddivisi in tante piccole particelle di vigneto tre i colli di Brognoligo. In particolare, il versante de “Le Battistelle” si trova nella nuova menzione geografica “Brognoligo” e dà il nome alla cantina; mentre il vigneto “Roccolo del Durlo” si trova nella menzione geografica “Carbonare”.

L’unico vitigno utilizzato è l’autoctono Garganega che viene interpreto in diversi vini grazie alla diversità del suolo di origine vulcanica; qui la garganega matura e rivela tutto il suo potenziale regalando vini unici: una combinazione di struttura ed eleganza avvolta da acidità e spiccata mineralità.

La viticoltura è rispettosa della natura: utilizziamo solo le pratiche agronomiche esclusivamente necessarie, limitando l’uso di prodotti fitosanitari con l’obiettivo di proteggere le viti attraverso la difesa integrata, convinti che viticoltura non sia solo coltivare la vigna, ma anche prendersi cura dell’ambiente.

I vigneti sono estremi, certificati “Viticoltura Eroica” poiché situati su pendii ripidi e terrazzamenti, dove la meccanizzazione è impossibile. I vecchi muretti a secco rendono il contesto spettacolare, richiedendo cura costante, fatica e alti costi di manodopera. Patrimonio agricolo riconosciuto dalla FAO patrimonio dell’umanità.

Cristina e Gelmino Dal Bosco

Pasquale cantina Cenatiempo

Cenatiempo – Campania

«Il nostro vino deve esprimere la natura vulcanica e marinara della terra ischitana.» La cantina Cenatiempo è stata fondata a metà Novecento con l’idea di conservare il forte legame con la storia: emblematica è nostra antica cantina, scavata nella collina di Kalimera.

La nostra storia inizia con una piccola cantina sul porto di Ischia dove Francesco Cenatiempo, mio padre, imbottigliava vino sfuso. Nell’immediato dopoguerra, nasce l’esigenza di produrre il proprio vino. Da lì in avanti, la cantina si espande a poco a poco.

Con la morte di mio padre, ho assunto la direzione della cantina, modernizzando la produzione guardando al futuro, ma sempre tenendo saldi l’eredità dei valori del passato.

Il nostro vino si fa in collina. E sul mare. Da sempre la viticoltura nel nostro territorio è una viticoltura di montagna che va dalla costa, a pochi metri sul mare, fino a oltre 600 metri di altitudine. Le vigne ideali sono quelle ospitate su terrazze strette che godono di ottima esposizione. Le parracine, i terrazzamenti che consentono la viticoltura su terreni molto ripidi (ben oltre il 30%), sono la colonna vertebrale del panorama ischitano.

Cenatiempo cantina Ischia

Gestisco questi vigneti e la vinificazione in cantina con cura e passione: intervengo il meno possibile sui mosti, affidandomi al controllo delle temperature di fermentazione e usando i solfiti in quantità appena percettibili. In cantina ho mantenuto le vecchie vasche in cemento per l’affinamento, che alterno con quelle in acciaio.

A chi non ha mai assaggiato un vino Cenatiempo direi che la sua caratteristica è di essere da sempre un vino vulcanico e marinaro. L’identità di Ischia è fatta dalla mineralità del suolo vulcanico, che varia a distanza di pochi chilometri, dalla sapidità di un vino isolano, dai sentori della macchia mediterranea che circonda le viti…

Pasquale Cenatiempo

Cenatiempo cantina Ischia
Alfio Nicolodi cantina Trentino

Alfio Nicolodi – Trentino Alto Adige

Siamo a Cembra, in Trentino, nella contrada storica della Carraia: l’azienda è stata fondata da mio nonno Antonio a inizio Novecento. La nostra è una micro-produzione che si aggira sulle 35,000 bottiglie in totale all’anno, un numero variabile in base all’annata.

Nel produrre il mio vino ci metto l’anima. Ho preso le redini dell’azienda nel 1985. A quel punto, ho deciso cambiare gli impianti in vigna, dedicando rinnovata attenzione alla vinificazione e alla selezione dei vitigni, per ottenere vini sempre migliori.

Tra l’altro, nel 1985 ho fatto un Metodo Classico con un amico, quasi per gioco, con il rarissimo Lagarino bianco, e l’ho tenuto 15 anni sui lieviti. Dall’uva più povera di tutta la Val di Cembra, un vitigno di matrice così profondamente contadina, è uscito un vino incredibile, che oggi continuiamo a produrre.

Da oltre vent’anni sono molto impegnato in un progetto di reintegro di questo come di altri vitigni storici della Val di Cembra, per contrastarne l’estinzione e valorizzarli. È un lavoro lungo, di recupero attento delle uve storiche di questa bellissima valle, che piano piano sta portando grandi soddisfazioni.

Alfio Nicolodi

Cantina Trentino Alfio Nicolodi
Tenuta san Leonardo Trentino

Tenuta San Leonardo – Trentino Alto Adige

Più di mille anni fa era un monastero, da oltre tre secoli è la residenza della nostra famiglia. Oggi la tenuta San Leonardo è un giardino di vigne e rose protetto dalle imponenti montagne trentine che smorzano i freddi venti nordici, mentre il fondovalle accoglie e regala il tepore del lago di Garda. Questo è un mondo antico dove le pazienti pratiche di cantina, ancora artigianali, regalano vini che sono autentici gioielli distinguendosi per freschezza, armonia ed eleganza innata.

Nell’antico borgo di San Leonardo vivono famiglie che da generazioni si tramandano il sapere e l’arte di lavorare la terra. Molte delle persone che partecipano alla creazione dei vini della tenuta sono nate e cresciute a San Leonardo e contribuiscono a determinarne il carattere e l’identità. Il senso di appartenenza è ben percepibile appena varcato il nostro cancello.

La nostra famiglia ha iniziato a riorganizzare la tenuta per produrre vini di qualità all’inizio del Settecento. Innamorati di questa terra trentina, dei suoi orizzonti e dei suoi profumi, oggi dedichiamo le nostre energie per creare i nostri vini, nati da una viva curiosità per i grandi vini, Bordeaux su tutti.

Carlo e Anselmo Guerrieri Gonzaga

Villa Corniole

Villa Corniole – Trentino Alto Adige

Siamo in Valle di Cembra: in questa valle bellissima, in un terroir unico, produciamo i nostri vini estremi. In Piana Rotaliana invece coltiviamo il Teroldego, vitigno autoctono, prima DOC e principe dei vini del Trentino, il Lagrein e il Pinot Grigio: tre varietà che qui esprimono al meglio le loro caratteristiche.

Nel nostro lavoro, ci guidano il costante desiderio di innovare, la passione per la viticoltura, la determinazione e la cura, oltre all’orgoglio per il nostro territorio, dai terrazzamenti vitati della Valle di Cembra alle campiture regolari della Piana Rotaliana.

Villa Corniole

Villa Corniole è il progetto familiare che parte in vigna e prosegue nella cantina di montagna, dove vinifichiamo le nostre uve raccolte nei vigneti in Val di Cembra e in Piana Rotaliana, per ottenere vini unici ed eleganti con un forte legame con il territorio.

I nostri sono vini di montagna che hanno dentro di sé il segno di un terroir unico esaltato dal clima estremo: necessitano di evolvere lentamente per esprimere e mantenere nel tempo il proprio potenziale e le caratteristiche organolettiche. Sono Müller Thurgau in primis, simbolo dei vini di montagna, Gewürztraminer, Chardonnay, Pinot Nero, Spumante Trentodoc e Teroldego.

Per noi la sostenibilità è trasferire alle nuove generazioni un’azienda e un territorio non impoveriti, ma ancora pieni di risorse naturali ed umane. Vendemmiamo le uve a mano, nel rispetto dell’ambiente e della tradizione vinicola. Uniamo un approccio sano e rispettoso dell’ambiente, nella migliore tradizione agricola, alla ricerca e alla tecnologia.

La cantina, in parte interrata, permette un notevole risparmio energetico grazie alla temperatura naturale e all’umidificazione della barricaia. I pannelli fotovoltaici di recente installazione producono la maggior parte dell’energia che serve in cantina durante l’anno.

La barricaia è un luogo magico, scavato nella roccia porfirica della Valle di Cembra. Qui i vini di Villa Corniole riposano con la giusta calma, a temperatura controllata e costante, senza forzature.

Famiglia Pellegrini

Barricaia
Azienda Agricola Pisoni

Azienda Agricola Pisoni – Trentino Alto Adige

La nostra azienda si trova nella Valle dei Laghi: un territorio meraviglioso nel cuore del Trentino Alto Adige, al crocevia tra il Lago di Garda e le Dolomiti di Brenta, patrimonio UNESCO. Qui, la nostra famiglia lavora la vigna dal 1852 nel rispetto della natura e delle vocazioni locali, per produrre vini che siano l’espressione più autentica di questa terra.

I contadini sanno che il bene più prezioso è la terra, da rispettare e preservare per i nostri figli così come ci è stata consegnata dai nostri padri. Per questo, da sempre abbiamo scelto metodi di coltivazione biologici e poi biodinamici, riducendo a zero l’utilizzo di prodotti chimici e ricercando il massimo equilibrio tra la vigna, il suolo e l’ambiente circostante.

In questa valle magica, da sempre culla di una viticoltura di qualità, la tradizione è un’energia silenziosa che dà forza ai vignaioli di generazione in generazione. E nella nostra moderna cantina c’è tutto il pensiero dei nostri padri che la vollero così, consapevoli che il lavoro del vignaiolo si muove fra tradizione e innovazione.

Pisoni

Siamo nati in campagna, fra le vigne e gli alberi da frutto. Siamo cresciuti a Pergolese all’interno di una storia contadina secolare: una storia di lavoro e fatica, ma anche di amore per un territorio meraviglioso e di passione per un mestiere nobile e antico come quello del vignaiolo.

azienda agricola Pisoni

Facciamo vino da oltre trent’anni, ma viviamo ogni vendemmia con l’emozione di ragazzini.

Abbiamo la fortuna di vivere in un territorio speciale, dove la vite ha trovato il suo habitat ideale: noi dobbiamo essere in grado di accompagnarla nella sua crescita, stagione dopo stagione, fino al momento della vendemmia, un rito collettivo che coinvolge tutta la famiglia e che ripaga della fatica di un anno di lavoro.

Stefano e Marco Pisoni

Lago di Cavedine Pisoni