viti trentine

Perché i vini trentini hanno tanto successo?

I vini trentini vivono oggi, e da qualche anno per la verità, una crescente popolarità. Quali sono le ragioni di questo successo?

Il Trentino è un territorio di straordinaria vocazione viticola. Presenta condizioni varie, adatte a vitigni diversi, nonostante si tratti di un’area piuttosto piccola e prevalentemente di montagna.

Dal Metodo Classico ai bianchi di montagna, dai rossi strutturati ai vini dolci, i vini trentini si caratterizzano per la grande eleganza, per i profumi freschissimi e perché si fanno bere con estrema piacevolezza.

Vent’anni fa non era così ma oggi il Trentino è famoso soprattutto per i bianchi (il 70% dell’uva vendemmiata è a bacca chiara), per quanto vari siano anche i vitigni rossi, tra cui lagrein, teroldego, marzemino e pinot nero.

Tutti traggono il proprio valore da una grande diversità territoriale, orchestrata magistralmente dall’uomo.

Abbiamo provato a riassumere alcune delle ragioni della crescente popolarità dei vini trentini:

1- QUALITÀ DEI VINI TRENTINI

Questa sembra essere la chiave primaria, perseguita in passato e da perseguire sempre con determinazione, sacrificando sulla quantità.

2- SCELTA DEI VITIGNI PIÙ ADATTI

La viticoltura trentina si giova di una scelta oculata dei vitigni più adatti alle varie zone in base al clima, ai terreni, ad esposizioni e altitudini. I viticoltori trentini hanno selezionato l’uva più giusta per i vari terroir realizzando un rapporto ottimale con l’ambiente pedoclimatico: siamo di fronte a un mosaico di microclimi che permette di coltivare ogni vitigno nell’area più adatta.

3- PREFERENZA PER LE VARIETÀ PREGIATE DELLA TRADIZIONE TRENTINA

Questo aspetto porta con sé la necessità di selezionare, in controtendenza rispetto all’indiscriminata diffusione di troppe varietà viticole.

4- PROMOZIONE DEI VINI TRENTINI

Del vino ma anche delle tradizioni gastronomiche e del turismo, per accrescere il valore di tutta l’offerta territoriale. In Trentino si assiste a un virtuoso e reciproco rapporto di valorizzazione fra enogastronomia e turismo con lo scopo di preservare la tradizione, quella rurale come quella storico artistica.

5- AMBIENTE IDEALE PER LE BOLLICINE

I terreni vitati del Trentino -generalmente calcarei- si trovano per lo più in altitudine, con esposizioni molto differenti tra loro. Queste caratteristiche ricordano alcune delle situazioni più felici della Champagne.

Il TrentoDOC -lo spumante trentino a base di chardonnay- è una bollicina dal portato stilistico preciso: grande finezza e fragranza, marcate note fruttate, acidità equilibrata, eleganza.

Nel mese di gennaio 2019, abbiamo proposto una selezione trentina, selezionata dal trentino Roberto Anesi (migliore sommelier AIS 2017) selezionando piccole e promettenti cantine trentine.

Imperdibile.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento